sede di una società di costruzioni – EUR ROMA, anni 2003-2006

 

 

realizzazione della nuova sede per una società di costruzioni in via dell’Antartide 7, EUR ROMA, dal 2003 al 2007safab1.jpg

 

http://www.designrepublic.it/viewdoc.asp?co_id=1288

La nuova sede è stata realizzata ristrutturando una villa degli anni ’60 nel quartiere EUR a Roma. Questa zona, nata come quartiere residenziale di lusso, si è trasformata nel tempo a destinazione terziaria, con il riuso di strutture nate come abitazioni e la realizzazione di prestigiose sedi per uffici.

 STRUTTURE: L’esigenza di realizzare ampie superfici destinate a parcheggio interrato e ad archivi, ha reso necessaria una prima fase di scavo e sottofondazione della struttura originaria per la realizzazione di locali interrati. Inoltre la relativa qualità delle opere esistenti in cemento armato ha imposto il consolidamento delle strutture originarie, comportando un aumento degli spessori di travi e pilastri, con un riflesso anche sull’immagine esterna dell’edificio.In una prima fase si sono realizzati pali di grandi dimensioni per predisporre lo scavo esterno del garage interrato a due piani; contemporaneamente venivano realizzati micropali in acciaio, affiancati ai pilastri e compenetrati nei plinti di fondazione. Nella fase successiva, progredendo con lo scavo si procedeva al taglio controllato dei plinti che venivano inglobati in “capitelli longitudinali, in modo che ogni pilastro veniva sorretto provvisoriamente da una coppia di micropali. A scavo ultimato ogni coppia di micropali veniva a sua volta inglobata in un setto in CLS, coerente con la distribuzione interna dell’edificio.Il garage interrato a due piani veniva realizzato per ragioni logistiche in tre fasi successive; essendo di grande luce senza appoggi intermedi e prevedendo una copertura a “tetto giardino” della Harpo, le strutture presentavano dimensioni inusuali comportando una ingegnerizzazione complessa del cantiere, che procedeva parallelamente alla ristrutturazione del corpo esistente della villa.

PROGETTO ARCHITETTONICO: La struttura si presenta con caratteristiche “tettoniche” evidenti: si è voluto esaltare la composizione “neoplastica” dei volumi, piuttosto articolata, con l’uso monocromatico di un non-colore per evidenziare il contrasto-rapporto fra pieni e vuoti, trattati con grandi vetrate aperte verso il paesaggio. La conformazione originaria “a corte aperta” è stata mantenuta utilizzando strutture leggere in vetro per chiudere l’involucro edilizio. Rispetto all’edificio originario sono state ampliate le superfici vetrate che ora diventano predominanti e tendono ad evidenziare i corpi di nuova costruzione rispetto a quelli preesistenti, il rapporto dell’edificio con il contesto è esaltato dalla conformazione geomorfologica, piuttosto dinamica e in continuo mutamento nei quattro prospetti dell’edificio, così da variare continuamente il rapporto architettura-verde.Dal prospetto privilegiato, quello di ingresso verso via Cristoforo Colombo e in asse con il palasport di P.L. Nervi, l’accesso avviene attraversando una cortina in metallo e vetro, in modo che l’atrio della reception sia vissuto come un interno-esterno. Al piano superiore la corte centrale diventa una lobby e ha una copertura in vetro.

MATERIALI: Le coperture sono state realizzate con un pacchetto tecnologico di “Tegola Canadese” per tetti ventilati. le pareti esterne sono rivestite da un intonaco “a cappotto” della Fassa Bartolo, finitura superficiale con KC1 lisciato a mano con fratazzo. I serramenti esterni sono della METRA, in gran parte scorrevoli con alzanti e con vetro camera, i profili in alluminio sono verniciati a fuoco colore grigio Raffaello. La copertura in vetro è stata realizzata dalla FISE utilizzando prodotti della METRA serie Poliedra Sky in alluminio, i vetrocamera orizzontali sono stratificati e temperati. I parapetti sono realizzati con un profilato in acciaio a L e tiranti in acciaio con accessori inox della JAKOB. La bussola di ingresso è stata realizzata dalla SMEA SUD con vetri stratificati e temperati e giunti con rotules della FARAONE in acciaio inox. I pavimenti interni sono in gres di grande formato (60 x 60) della REX, serie Pillarguri colore Anthracite. La zona direzionale è invece pavimentata con parquet prefinito di grande formato in wengè della GAZZOTTI. I bagni sono rivestiti con mosaici vetrosi della BISAZZA. Gli arredi sono stati eseguiti su disegno dalla IB Project, le porte sono della BARAUSSE, in wengè con dettagli inox.

prospetto su via dell'Antartide

 

 

 

 


concorso internazionale per la Camera di Commercio di Prato, recupero di un edificio di archeologia industriale, 2006

Gli obbiettivi che ci siamo prefissati nella progettazione della nuova sede per la Camera di Commercio di Prato sono stati:

             ricerca della soluzione di maggiore efficienza e razionalità in base all’elenco di richieste dell’ente, anche in merito alla flessibilità nella distribuzione degli spazi e alla possibilità di riorganizzazione, considerando che lo sviluppo attuale della tecnologia comporta mutevoli necessità anche nel corso di pochi anni.

             ristrutturazione attenta del complesso di archeologia industriale nella considerazione del valore architettonico dell’insieme. Conservazione e valorizzazione delle parti di più significativo impatto estetico e adattamento del nuovo organismo alle caratteristiche della struttura.

             realizzazione di una proposta architettonica di significativo impatto estetico, in relazione alla creazione di un ambiente di lavoro gradevole ed efficiente e alla comunicazione di una immagine di razionalità e funzionalità.

PRINCIPI GENERALI La sezione dell’edificio ha posto un primo significativo “problema” da affrontare: l’altezza del corpo di fabbrica diviso in due piani, comporta delle altezze di circa 5 metri per ogni livello; inoltre la posizione delle aperture non è conforme alla necessità di utilizzare gli spazi come uffici, infatti la maggior parte delle finestre al piano terra ha il davanzale a più di due metri da terra mentre quelle del primo piano sono quasi tutte a più di cm 180 da terra. La conseguenza sarebbe che gli uffici avrebbero le finestre ad un’altezza tale che sarebbe difficile persino la percezione dell’esterno oltre che la corretta areazione e illuminazione naturale.

Schema sezione tipo La soluzione scelta è stata di concentrare gli uffici di maggior pregio intorno alla corte centrale, dove al piano terra la cortina muraria è stata sostituita da una facciata continua in vetro, mentre sul perimetro esterno vengono distribuite le funzioni di supporto tecnico e di servizio, lasciando questi spazi a tutta altezza. Gli impianti a questo livello vengono concentrati sui corridoi, i quali verranno controsoffittati per portare l’altezza degli stessi insieme agli uffici sulla corte ad una altezza più proporzionata e vicina alle esigenze ambientali degli uffici. Le finestre a nastro esistenti interne alla corte, pur rimanendo per ragioni di conservazione dei prospetti, corrisponderanno alla quota dei controsoffitti impiantistici. Al primo livello abbiamo deciso di sollevare tutto il piano di calpestio con un pavimento flottante, che corrisponderà ad un cavedio tecnico dove passeranno gli impianti, lasciando in questo modo aperta la possibilità in alcuni casi di lasciare a vista gli intradossi delle volte a botte di copertura. Il sollevamento della quota di calpestio comporta la riduzione dell’altezza dei parapetti a circa 1 metro e la possibilità di conservare su tutto il piano le aperture esistenti sia verso l’interno che verso l’esterno.La distribuzione generale del complesso prevede dei corridoi longitudinali lungo le ali lunghe parallele a via Baldanzi, con distribuzione degli uffici sui due lati (al piano terra la posizione del corridoio è condizionata dalla presenza dei pilastri, ed è quindi leggermente decentrata mentre al primo livello è al centro della sezione), gli uffici di maggior pregio –come detto- occuperanno le aree verso la corte interna. Il collegamento trasversale e verticale è garantito da una struttura esterna leggera e cristallina in metallo e vetro, che comprende due gruppi scale/ascensore (anch’essi in vetro) e un percorso trasversale sospeso protetto da una facciata continua in vetro.I materiali utilizzati per la ristrutturazione del complesso saranno di tipo biocompatibile, in particolare gli intonaci e le pitture saranno traspiranti e a base di calce. Il rivestimento della copertura esistente verrà sostituito con la tecnologia del tetto ventilato, perché crediamo che la migliore fonte di risparmio energetico sia l’isolamento termico, utilizzando un primo strato coibente, una camera di ventilazione, uno strato impermeabilizzante in bitume naturale e un rivestimento finale in scandole di zinco-titanio. Una parte delle coperture -quella esposta a sud- sarà occupata da pannelli solari sia per la produzione di acqua calda sanitaria sia elettrofotovoltaici per la produzione di energia elettrica.Gli interni, tranne che per le sale principali, verranno suddivisi con pareti divisorie spostabili, in modo da consentire future varianti nella distribuzione e seguire l’evoluzione delle esigenze dell’ente. Inoltre le pareti divisorie potranno integrare anche gli arredi fissi come le armadiature, le porte e gli scaffali/librerie.I pavimenti saranno realizzati in gres porcellanato lappato di grande dimensione (cm 60×60) con riferimento al colore e texture della Pietra Serena, al piano primo verranno realizzati su pavimento flottante e ispezionabile, con struttura in ferro zincato. Lo stesso pavimento sarà utilizzato anche per l’esterno in modo da garantire una continuità visiva tra gli spazi interni ed esterni. I controsoffitti verranno realizzati in cartongesso e quelli ispezionabili in pannelli ispezionabili di acciaio microforato (tipo Clip-In), con integrazione dei terminali dell’impianto di climatizzazione (anemostati) e del sistema illuminotecnico (proiettori e plafoniere ad incasso), negli ambienti dove è previsto l’uso di video terminali l’illuminazione sarà di tipo darklight.Tutte le aree saranno di piena accessibilità ai disabili che avranno la possibilità di fruire di ogni area dell’immobile in piena autonomia, a partire dai parcheggi, agli ascensori, ai servizi.

 

 

 

 

  

sede del Consorzio Nazionale Olivicoltori, Roma, 1998

sede1.jpglogo.jpg

progetto di ristrutturazione e interior design della nuova sede del Consorzio Nazionale degli Olivicoltori in via Piave. Realizzazione “chiavi in mano” con la ELIANTE IMMOBILIARE S.a.S. restauro dei portoncini e delle pavimentazioni in pastina di cemento originali.

la sala conferenze polivalente aperta

la sala conferenze polivalente divisa in due sale riunione

ufficio direzionale

ufficio di rappresentanza

ufficio di rappresentanza
il corridoio